All’ombra del Plumbago

Chi di voi non ha sentito il rumore del mare appoggiando una conchiglia all’orecchio?
Si tratta di una illusione acustica. Le pareti della conchiglia fungono da cassa di risonanza e l’aria che vibra all’interno della cavità, fa sì che il suono venga distorto e ripetuto dando l’illusione di ascoltare il mare.

La ricetta che propongo:
Vellutata di piselli e asparagi
Ingredienti:
1 cipolla, 2 spicchi di aglio, olio d’oliva, 250gr di asparagi, 300gr di piselli, 500ml di brodo vegetale, sale, pepe e peperoncino qb, 200ml di latte di cocco o panna, 10 foglioline di menta fresca, il succo di mezzo limone.
Per guarnire semi di zucca.
Tritare insieme aglio e cipolla soffriggeteli nell’olio, tritate i gambi degli asparagi, (tenete da parte le punte) uniteli al soffritto, unite anche i piselli e fate insaporire.
Aggiungete il brodo vegetale caldo e fate cuocere a fuoco basso fin quando saranno cotti. Versate il latte di cocco, la menta e passate il tutto con il frullatore a immersione aggiungete il limone.
Servite decorando con le punte di asparagi sbollentate i semi di zucca e il timo.

Bicchieri RCR

Piatti Carlo Monti

Sottopiatti Zara

Vino Donna Giovanna Iuzzolini

Potrebbe interessarti:

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a

Verzino

Nella valle del “marchesato” e precisamente a Verzino si trova un vasto insediamento rupestre abitato da civiltà preistoriche Paleolitica prima e Neolitica poi. Questi insediamenti

Magico Ampollino

Siamo sempre sull’altopiano della Sila e da qui ci muoviamo per andare a Butirro. Da qui percorreremo sentieri mozzafiato che incantano anche nel periodo autunnale

Casabona

L’insediamento è ordinato su terrazze parallele che si estendono sui due crinali di valle Cupa ed ogni terrazza sfocia nella stessa via di fondo valle.

Capo Colonna

Museo e parco archeologico nazionale. Il parco occupa la punta orientale del promontorio “Lakinion Akron”. L’area archeologica comprende l’antico luogo di culto della dea Hera

Cotronei

Nell’attuale territorio silano di Cotronei sin dall’età del bronzo c’era presenza di nomadi con i loro armenti nelle alture ricche di erbe, boschi e acque.