Ancora in festa

Luci, bagliori dorati ed elementi bianchi come fiori e candele, rendono festosa questa tavola che si arricchisce anche di tanti bicchieri di cristallo colorati; alcuni con teste di cervo, altri con manici dorati. Porta candele che vanno dal bianco al dorato, decorati e semplici. Una vera festa di oggetti vari dalle stelle, ai ghiaccioli tutti assolutamente natalizi.

Vi propongo
Faraona ripiena di castagne

Faraona 1,8 kg
Salsiccia 300 gr
Castagne 540 gr
Pancetta 200 gr
Sale, pepe, rosmarino, zucchero, vino bianco 100gr
Fate disossare e fiammeggiare la faraona. Mettete a bollire le castagne per circa 40 minuti, una volta tiepide pulitele. Private del budello la salsiccia. Mischiate il tutto salate e pepate farcite la faraona e legate con lo spago da cucina.
Fate rosolare la faraona con la pancetta in un tegame di ghisa dai bordi alti.
Sfumate con il vino è proseguite la cottura per 90 minuti coperta. Per chi non si volesse cimentare può ordinarla da Carnidea che la prepara in maniera eccellente.

Vino Paternum Iuzzolini

Decori e portacandele Vertecchi

Potrebbe interessarti:

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a

Verzino

Nella valle del “marchesato” e precisamente a Verzino si trova un vasto insediamento rupestre abitato da civiltà preistoriche Paleolitica prima e Neolitica poi. Questi insediamenti

Magico Ampollino

Siamo sempre sull’altopiano della Sila e da qui ci muoviamo per andare a Butirro. Da qui percorreremo sentieri mozzafiato che incantano anche nel periodo autunnale

Casabona

L’insediamento è ordinato su terrazze parallele che si estendono sui due crinali di valle Cupa ed ogni terrazza sfocia nella stessa via di fondo valle.

Capo Colonna

Museo e parco archeologico nazionale. Il parco occupa la punta orientale del promontorio “Lakinion Akron”. L’area archeologica comprende l’antico luogo di culto della dea Hera

Cotronei

Nell’attuale territorio silano di Cotronei sin dall’età del bronzo c’era presenza di nomadi con i loro armenti nelle alture ricche di erbe, boschi e acque.