Biodiversità e colori

Nel nostro “paese delle meraviglie”, dove la biodiversità è una delle tante eccellenze, fare la spesa nei nostri mercati è un vero piacere e anche la prima fonte di ispirazione per preparare una cena. Non importa che sia romantica, fra amici, in famiglia o di rappresentanza, l’importante è divertirsi.

Primo importante consiglio è fare molta attenzione alle proprietà organolettiche, alla freschezza e provenienza del prodotto (Hccp), che andrebbe insegnato in tutte le scuole: intanto, se siamo attenti, ce la possiamo fare.
Io traggo ispirazione dalle specialità locali e poi attingo alle varie pubblicazioni di cucina di cui mi nutro quotidianamente e che vi illustrerò nelle parentesi “ho provato per voi”.

Arma vincente la curiosità.

Oggi vi parlerò di come costruire una tavola.

Partiamo, naturalmente, da ciò che abbiamo in casa.

Sottopiatti, tovaglioli, ranner, piatti, bicchieri.

Parole d’ordine: colori e materiali.

Cercare sempre di riprendere i colori.

E se con un sottopiatto scuro comporrò il centrotavola con elementi scuri, poi userò piatti e tovaglioli bianchi.

E’ importante legare il colore: centrotavola-tovagliolo-piatto o sottopiatto: la chiave è trovare l’elemento in comune.
In questo caso ho legato con il verde.

Centro, sottopiatto, piatto, porta candele e… ranocchi. Carino no?

Potrebbe interessarti:

Caccuri

Già abitata in età romana, nel x secolo fu sede di tre piccoli monasteri.Poi feudo dei Polissena, Ruffo, Carafa, Cavalcanti e Barracco. Il castello fu

Le Castella

Questo magnifico squarcio di Calabria è certamente noto per il suo castello Aragonese e per lo splendido mare ma, per me è reso intrigante per

Isola Capo Rizzuto

Fu fondata intorno al 900 DC con il toponimo Greco di Asylon. Intorno al 1090.Sotto l’impero romano d’Oriente la piccola diocesi di Isola crebbe, in

Cirò

L’origine di Cirò risale all’età del bronzoL’area monumentale arcaica sorgeva nella contrada “Cozzo Leone” mentre l’area necropolare si estendeva in prossimità della contrada “S. Elia”.La

Santa Severina

Gioiello incastonato nella roccia, S. Severina domina la valle del Neto.Nel V secolo a.C. l’abitato è documentato come città dell’Enotria con il nome greco di

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a