Come finisce l’amore per una melanzana

Ancora studenti; il mio, allora, ragazzo era amico del nostro prof di microbiologia. Decidiamo di invitarlo a cena ed io, da brava calabrese, mi impegno in un complicato piatto della tradizione “melanzane ripiene“.
Sarebbe stato un successo strepitoso, se non che, il mal capitato prof. non mangia melanzane!!!!!
Io persisto, per usare un termine molto in voga, sono resiliente.
Allora eccomi a proporre un tavolo di melanzane, naturalmente, con un menù a base di questo frutto che, per chi lo ama, è irresistibile.
Questa mattina, al mercato, ho visto banchi pieni di melanzane fresche appena colte e, mi sono detta, ecco il mio prossimo tavolo.
Ho cercato nel mio armadio elementi del colore e, fra le altre, ho trovato un tagliere a forma di melanzana, dei piatti con un po’ di viola, tovagliette in raffia che danno molto il senso d’estate anche se, questa volta, il vino è un rosso di corpo che si abbina bene con piatti sapidi.

Melanzane ripiene

Tagliate a metà 4 melanzane, fatele bollire in acqua salata per circa 30 minuti. Una volta intiepidite, svuotatele aiutandovi con un cucchiaio. Conservate le barchette.

A parte preparate un sugo con olio, aglio, pomodori, basilico e peperoncino. Mettete in una padella olio, aglio, la parte interna delle melanzane, basilico e parte del sugo.

Far soffriggere per 15 minuti, quindi aggiungere la mollica di un quarto di pane tipo “Altamura”, immersa nell’acqua e strizzata, 200 grammi di Silano tagliato a pezzetti e amalgamate il tutto.

Coprite il fondo di una pirofila con il sugo, riempite le barchette con il composto ben amalgamato guarnite il tutto con ulteriore sugo e infornate nel forno preriscaldato a 200° e lasciate cuocere 30 minuti.

Spaghetti con polpettine di melanzane

Preparo le polpette con le melanzane affettate e arrostite in forno a 200° per 10 min.

Le riduco in purea e aggiungo 1 uovo, parmigiano,  basilico, sale e pangrattato. Formo le polpette e le friggo. Intanto preparo il sugo  con pomodoro, basilico, aglio, olio e peperoncino.

Soffriggo rapidamente e aggiungo le polpette. Lascio mantecare e condisco gli spaghetti. Per finire… una spolverata di ricotta affumicata!

Vino Muranera Iuzzolino

Piatti Vietri

Bicchieri IKEA

Tovagliette Upim

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Potrebbe interessarti:

La Sila

Un verde paradiso punteggiato di laghi, dove, innumerevoli specie di piante ed animali concorrono ad arricchire la biodiversità.Le alte conifere si rincorrono in boschi fitti

Ossi di seppia

Questi legnetti bianchi mi fanno pensare a degli ossi di seppia.Montale, nella sua pessimistica visione della vita con tanto di “sentimento di emarginazione ed aridità“,

Sapore di mare

Le immagini non hanno bisogno di commenti. Ci fanno gustare il fresco sapore salmastro di un’acqua cristallina, in questa calda primavera 2022.Siamo a Capo Rizzuto,

Pasqua che sorpresa

L’uovo per tutte le culture antiche era il simbolo della vita e della rinascita.Per gli antichi Egizi l’uovo era l’origine di tutto e il fulcro