Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a quei tempi, presentava un profilo diverso: nelle acque dello Ionio di fronte a Cirò e Le Castella a poche miglia dalla costa svettavano delle isole incantevoli per la loro natura. Quel tratto di costa e ricco di innumerevoli resti, paradiso di sommozzatori e amanti di subacquea. Celebre per la sua scuola medica Democede e Alcmeone trasformarono la medicina da alchimia a scienza. Famosa per i suoi atleti fra cui il pluriolimpionico Milone. E non ultima la presenza di Pitagora che gettò le basi per la nascita della Magna Grecia, lo sviluppo del razionalismo e del metodo scientifico. Pitagora, nato a Samo, si trasferì nel 572 presso l’amico Democede. Stabilitosi nella Kroton fondò una scuola di sapere di scienza, matematica e musica. Sembra che avesse attinto a numerosi manoscritti provenienti dal Tibet studiando le culture orientali e scritti Ebraici del re Salomone regalandoci la sua multietnica cultura. Purtroppo dopo una serie di avvenimenti avversi Pitagora lascio Kroton. I Romani la conquistarono nel 271 a.C. Grazie anche al suo splendido clima fu scelta da Annibale come insediamento per i suoi accampamenti durante la ll guerra Punica. Nel XVl secolo il re di Spagna Carlo V concesse ampi privilegi alla città e fece fortificare il castello “Carlo V”.

Museo Archeologico

E’ nel XVI secolo in cui il nome della città diventò Crotone.

Potrebbe interessarti:

Verzino

Nella valle del “marchesato” e precisamente a Verzino si trova un vasto insediamento rupestre abitato da civiltà preistoriche Paleolitica prima e Neolitica poi. Questi insediamenti

Magico Ampollino

Siamo sempre sull’altopiano della Sila e da qui ci muoviamo per andare a Butirro. Da qui percorreremo sentieri mozzafiato che incantano anche nel periodo autunnale

Casabona

L’insediamento è ordinato su terrazze parallele che si estendono sui due crinali di valle Cupa ed ogni terrazza sfocia nella stessa via di fondo valle.

Capo Colonna

Museo e parco archeologico nazionale. Il parco occupa la punta orientale del promontorio “Lakinion Akron”. L’area archeologica comprende l’antico luogo di culto della dea Hera

Cotronei

Nell’attuale territorio silano di Cotronei sin dall’età del bronzo c’era presenza di nomadi con i loro armenti nelle alture ricche di erbe, boschi e acque.

La Calabria nelle Tavole di Gabriela

Con questo calendario vi porterò alla scoperta di una Calabria fantastica, naturale e primordiale dove la natura si intreccia con una cultura millenariaIl lago Ampollino