E … che cavolo!

Famiglia delle Crucifere, contiene: fibre, minerali, alto contenuto di vitamina A, C e B.
Il cavolo è ricco di quercitina potente antiossidante e antinfiammatorio, con azione antivirale, immunoregolatoria, antiallergica, gastroprotettiva, antiaterosclerotica.
Cosa chiedere di più ad un ortaggio che si presta benissimo anche alla funzione ornamentale e che, se adoperato frequentemente in cucina, ci assicura un benessere impareggiabile?
La tavola che vi presento oggi gioca con i toni del verde e, i cavoli del centrotavola padroneggiano la scena
La tovaglia è di iuta su cui ho posato delle tovagliette a forma di foglia di filodendro. I tovaglioli sono di lino verde e il piatto fondo a forma di cavolo.

Fra le tante varietà, per questa tavola ho scelto il cavolo verza, il rosso ed il cavolo romanesco.

Zuppa di cavoli
Soffriggere in olio di oliva un trito di cipolla sedano, carote ed un aglio intero unite 500gr di patate a tocchetti la parte tenera dei cavoli tagliata a striscioline (500gr di cavolo verza e 1 mazzetto di cavolo nero ) aggiungete al soffritto di odori aggiustate di sale pepe e peperoncino.
Coprite con 1 litro e mezzo di brodo vegetale e cuocete per 30 minuti.
Servite con del pane tostato

Vino Canayli Vermentino di Gallura

Scodella Bordallo Pineiro

Piatti Wedgwood

Tovagliette filodendro Sia

Potrebbe interessarti:

Caccuri

Già abitata in età romana, nel x secolo fu sede di tre piccoli monasteri.Poi feudo dei Polissena, Ruffo, Carafa, Cavalcanti e Barracco. Il castello fu

Le Castella

Questo magnifico squarcio di Calabria è certamente noto per il suo castello Aragonese e per lo splendido mare ma, per me è reso intrigante per

Isola Capo Rizzuto

Fu fondata intorno al 900 DC con il toponimo Greco di Asylon. Intorno al 1090.Sotto l’impero romano d’Oriente la piccola diocesi di Isola crebbe, in

Cirò

L’origine di Cirò risale all’età del bronzoL’area monumentale arcaica sorgeva nella contrada “Cozzo Leone” mentre l’area necropolare si estendeva in prossimità della contrada “S. Elia”.La

Santa Severina

Gioiello incastonato nella roccia, S. Severina domina la valle del Neto.Nel V secolo a.C. l’abitato è documentato come città dell’Enotria con il nome greco di

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a