E se ci inventassimo un brunch?

Questa tavola tipicamente anglosassone, ci suggerisce un pranzo leggero, quasi una colazione inoltrata per lasciare libere le padrone di casa di indugiare, poltrire e quindi preparare una tarda colazione.
Questa ceramica ci riporta alla fine del 1600, quando, fra i primi gli Inglesi cercarono di imitare la pregiatissima porcellana Cinese, usando il blu cobalto. Tale produzione si accentrava nello Staffordshire dove, dopo diversi tentativi, riuscirono a produrre porcellane eccellenti.

Questi piatti sono della Spode una tra le case produttrici principali.
Sono uno diverso dall’altro perché creati per celebrare avvenimenti diversi come le stagioni, i mesi e così via.
Nel menù non mancheranno toast, uova e polpette di verdure, insalata di gamberi e, per finire, un classico pudding.

Insalata di gamberi
Far bollire brevemente i gamberi in acqua salata, una volta liberati del carapace li misceliamo ad ananas e avocado a pezzetti e conditi con olio limone e qualche fogliolina di menta.

Pudding
Informare a 160 gradi un recipiente contenente riso, latte, vaniglia, poco zucchero. Far cuocere da un’ora a 45 min a seconda se usate riso crudo o già cotto
Alternativa:
Riso nero e latte di cocco

tratto da www.gustissimo.it

Piatti Spode

Tovagliette Culti

Bicchieri Dior

Vino Donna Giovanna Iuzzolini

Potrebbe interessarti:

Caccuri

Già abitata in età romana, nel x secolo fu sede di tre piccoli monasteri.Poi feudo dei Polissena, Ruffo, Carafa, Cavalcanti e Barracco. Il castello fu

Le Castella

Questo magnifico squarcio di Calabria è certamente noto per il suo castello Aragonese e per lo splendido mare ma, per me è reso intrigante per

Isola Capo Rizzuto

Fu fondata intorno al 900 DC con il toponimo Greco di Asylon. Intorno al 1090.Sotto l’impero romano d’Oriente la piccola diocesi di Isola crebbe, in

Cirò

L’origine di Cirò risale all’età del bronzoL’area monumentale arcaica sorgeva nella contrada “Cozzo Leone” mentre l’area necropolare si estendeva in prossimità della contrada “S. Elia”.La

Santa Severina

Gioiello incastonato nella roccia, S. Severina domina la valle del Neto.Nel V secolo a.C. l’abitato è documentato come città dell’Enotria con il nome greco di

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a