Fuori dal pollaio

Avete mai pensato di realizzare il vostro pollaio domestico?
Allevare galline ovaiole che possano deporre uova fresche e di qualità, contribuendo anche allo smaltimento degli scarti alimentari?
Bene prima di metterci all’opera dobbiamo essere consapevoli del fatto che, se vogliamo essere in regola, dobbiamo prima costruire un “cinque stelle”, dove si possa razzolare, becchettare, raspare il terreno e preparare il pascolo per la ricerca del cibo.
Quindi aree ben soleggiate e zone d’ombra dove riposare.
Ruscelli di acqua cristallina dove abbeverarsi e lettiera di sabbia dove effettuare la toilette……. Andiamo,
ma per un uovo da bere bisogna essere pronti ad investire.

Ravioli al limone con carciofi fritti e bottarga
X6
Utilizzo degli ottimi ravioli di ricotta
Per il condimento
3 limoni
3 cucchiai di miele millefiori
120 gr di burro
2 carciofi
Olio di semi di arachide
Bottarga, sale e pepe
In un pentolino mettete la scorza dei limoni il miele e 200 ml di acqua, salate e cuocete per 20 min
Togliete dal fuoco e aggiungete il succo di limone e il burro
Frullate il tutto a immersione pepate e
Trasferite in una larga padella
Affettate finemente i carciofi friggeteli e teneteli in caldo
Lessate i ravioli e saltateli brevemente nella padella con la crema
Condite con i carciofi e la bottarga grattugiata.

Piatti painted in Italy for F.B.

Bicchieri CRC

Vino donna Giovanna Iuzzolini

Potrebbe interessarti:

Caccuri

Già abitata in età romana, nel x secolo fu sede di tre piccoli monasteri.Poi feudo dei Polissena, Ruffo, Carafa, Cavalcanti e Barracco. Il castello fu

Le Castella

Questo magnifico squarcio di Calabria è certamente noto per il suo castello Aragonese e per lo splendido mare ma, per me è reso intrigante per

Isola Capo Rizzuto

Fu fondata intorno al 900 DC con il toponimo Greco di Asylon. Intorno al 1090.Sotto l’impero romano d’Oriente la piccola diocesi di Isola crebbe, in

Cirò

L’origine di Cirò risale all’età del bronzoL’area monumentale arcaica sorgeva nella contrada “Cozzo Leone” mentre l’area necropolare si estendeva in prossimità della contrada “S. Elia”.La

Santa Severina

Gioiello incastonato nella roccia, S. Severina domina la valle del Neto.Nel V secolo a.C. l’abitato è documentato come città dell’Enotria con il nome greco di

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a