Il fascino di cesti e panieri

Il cesto è da sempre usato per contenere e trasportare oggetti o alimenti .

Le prime testimonianze della produzione di cesti risalgono al neolitico, l’intreccio di fibre vegetali precede e prepara la nascita della tessitura.

La produzione di cesti era presente in Asia Minore nel lX millennio e  i materiali più adoperati erano la paglia, il vimini la rafia e il bambù.

L’abitudine di regalare cesti contenenti cibo era molto diffusa nell’antica Roma  in particolare in occasione delle feste dei Saturnalia durante il solstizio d’inverno.

In questa occasione erano soliti scambiarsi “sportule” contenenti alloro e cibo con preferenza per olive e fichi secchi.

Quelli che vediamo a tavola sono cesti campagnoli di canna e vimini.

La ricetta che abbino:

Polpettone profumato al tartufo

250 gr di macinato di maiale

250gr di macinato di vitella

250 gr di ricotta

1 uovo

Mollica di un quarto di pane casereccio ben inzuppata di acqua

Sale pepe

Olio tartufato

Mescolare il tutto formare due polpettoni e friggerli in poco olio da tutti i lati  passarli in una pirofila e metterli in forno pre riscaldato a 180° per 20 min. una volta affettato cospargerlo di olio tartufato e servite.

Tovagliette in vimini

Piatti e sottopiatti Ceramica Italiana

Vino Muranera iuzzolini

Potrebbe interessarti:

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a

Verzino

Nella valle del “marchesato” e precisamente a Verzino si trova un vasto insediamento rupestre abitato da civiltà preistoriche Paleolitica prima e Neolitica poi. Questi insediamenti

Magico Ampollino

Siamo sempre sull’altopiano della Sila e da qui ci muoviamo per andare a Butirro. Da qui percorreremo sentieri mozzafiato che incantano anche nel periodo autunnale

Casabona

L’insediamento è ordinato su terrazze parallele che si estendono sui due crinali di valle Cupa ed ogni terrazza sfocia nella stessa via di fondo valle.

Capo Colonna

Museo e parco archeologico nazionale. Il parco occupa la punta orientale del promontorio “Lakinion Akron”. L’area archeologica comprende l’antico luogo di culto della dea Hera

Cotronei

Nell’attuale territorio silano di Cotronei sin dall’età del bronzo c’era presenza di nomadi con i loro armenti nelle alture ricche di erbe, boschi e acque.