Il nome della Rosa

La Rosa, fiore di maggio, protagonista di un itinerario alla scoperta dei più bei roseti d’Italia con il percorso “nel nome della rosa”.
Nei mesi di maggio-giugno quando i roseti sono nel massimo splendore è possibile visitare i 33 giardini del circuito in tutta Italia.
Trentino-Veneto-Toscana (Villa Gamberaia a Firenze )
Lazio, con palazzo Patrizi sul lago di Bracciano e i giardini della Landriana nei pressi di Roma.
Fino alle stanze in fiore di Canalicchio in Sicilia.

“Il nome della rosa” mi ricorda anche lo splendido romanzo di Umberto Eco il cui fulcro è basato sul libro della poetica di Aristotele dedicato alla commedia e al riso.
Il libro finisce con una frase latina: ”stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus” tratta dal De contemptu mundi in cui il lettore è invitato a scegliere un ideale di vita ascetico, perché ogni cosa terrena è destinata ad essere consumata dall’azione erosiva del tempo.

Gazpacho verde con calamari marinati

100 gr di mollica di pane
4 pomodori verdi
1 cetriolo
1 cipollotto
1 peperone
1 avocado
1 lime
Menta sale e pepe
Per i calamari
400 gr di calamari piccoli
8 pomodori datterini
1 scalogno, olio evo , due cucchiai di aceto balsamico , prezzemolo sale e pepe
Tagliate i calamari ad anelli sbollentatateli in acqua in ebollizione x 45 sec
Tritate lo scalogno il prezzemolo e i pomodori
In una ciotola mescolate i calamari con il trito preparato l’aceto balsamico olio sale e pepe e fate insaporire in frigo
Tagliate i pomodori il cetriolo l’avocado il cipollotto e il peperone
Prelevate la scorza del lime e spremete il succo
Mettete la mollica nel frullatore con 200ml di acqua e tutti gli ingredienti preparati la menta e un cucchiaino di sale
Frullate fino ad ottenere un composto omogeneo
Fate riposare in frigo due ore e servite guarnendo con i calamari marinati

Piatti Villeroy & Boch

Bicchieri Dior

Vino Donna Giovanna Iuzzolini

Potrebbe interessarti:

Caccuri

Già abitata in età romana, nel x secolo fu sede di tre piccoli monasteri.Poi feudo dei Polissena, Ruffo, Carafa, Cavalcanti e Barracco. Il castello fu

Le Castella

Questo magnifico squarcio di Calabria è certamente noto per il suo castello Aragonese e per lo splendido mare ma, per me è reso intrigante per

Isola Capo Rizzuto

Fu fondata intorno al 900 DC con il toponimo Greco di Asylon. Intorno al 1090.Sotto l’impero romano d’Oriente la piccola diocesi di Isola crebbe, in

Cirò

L’origine di Cirò risale all’età del bronzoL’area monumentale arcaica sorgeva nella contrada “Cozzo Leone” mentre l’area necropolare si estendeva in prossimità della contrada “S. Elia”.La

Santa Severina

Gioiello incastonato nella roccia, S. Severina domina la valle del Neto.Nel V secolo a.C. l’abitato è documentato come città dell’Enotria con il nome greco di

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a