La Calabria nelle Tavole di Gabriela

Con questo calendario vi porterò alla scoperta di una Calabria fantastica, naturale e primordiale dove la natura si intreccia con una cultura millenaria
Il lago Ampollino una gemma incastonata nel verde della Sila

Per gli amanti della natura, questi luoghi incontaminati, sono un paradiso.

Proponiamo un percorso interessante e, in qualche modo, inedito che possiamo comporre a seconda delle esigenze e gusti dei viaggiatori.
Le mete interessanti da visitare, possono essere arricchite da passeggiate in boschi incontaminati o da escursioni in barca per esplorare baie da sogno.
Per gli amanti della tavola offriamo degustazioni gourmet e visite in cantine di eccellenza.
Assolutamente interessante da scoprire gli insediamenti rupestri in un contesto di ville e castelli che fanno spaziare dalla preistoria al medioevo passando per la Magna Grecia.

Il primo percorso che proponiamo è il percorso Brigante Monaco.

Ripercorriamo idealmente la storia del brigantaggio, in particolare di Ciccilla (Maria Oliverio) moglie del brigante Pietro Monaco. Boschi di cerri, giganti silani e vista sul marchesato.

Percorso Tacina Lungo

Trekking sul fiume Neto

Queste passeggiate partono da Cotronei, dove è possibile pernottare a Palazzo Verga

Potrebbe interessarti:

Caccuri

Già abitata in età romana, nel x secolo fu sede di tre piccoli monasteri.Poi feudo dei Polissena, Ruffo, Carafa, Cavalcanti e Barracco. Il castello fu

Le Castella

Questo magnifico squarcio di Calabria è certamente noto per il suo castello Aragonese e per lo splendido mare ma, per me è reso intrigante per

Isola Capo Rizzuto

Fu fondata intorno al 900 DC con il toponimo Greco di Asylon. Intorno al 1090.Sotto l’impero romano d’Oriente la piccola diocesi di Isola crebbe, in

Cirò

L’origine di Cirò risale all’età del bronzoL’area monumentale arcaica sorgeva nella contrada “Cozzo Leone” mentre l’area necropolare si estendeva in prossimità della contrada “S. Elia”.La

Santa Severina

Gioiello incastonato nella roccia, S. Severina domina la valle del Neto.Nel V secolo a.C. l’abitato è documentato come città dell’Enotria con il nome greco di

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a