La Sila

Un verde paradiso punteggiato di laghi, dove, innumerevoli specie di piante ed animali concorrono ad arricchire la biodiversità.
Le alte conifere si rincorrono in boschi fitti e grondanti clorofilla.
Attraverso i rami, i raggi del sole creano la magia di una pioggia dorata,
Il trekking non è solo uno sport, ma un viaggio che arricchisce lo spirito ed inebria i polmoni.

X4
Pappardelle al ragù
500 gr di muscolo di vitella macinato
350 gr di pappardelle
250 gr di croste di parmigiano
200 gr di fave col baccello
100 gr di asparagi
50 gr di fagiolini
2 carote, 2 rametti di rosmarino, 2 foglie di salvia, 2 chiodi di garofano, 1 spicchio di aglio, 1 porro, 1cipolla rossa, 1 gambo di sedano, 1cipollotto, 1zucchina, 1 limone, concentrato di pomodoro, vino bianco, alloro, olio e sale.
Mettete tutti gli scarti delle verdure in pentola a pressione con le croste di parmigiano 1 litro e mezzo di acqua, il succo e la scorza di mezzo limone e mezzo bicchiere di vino. Fate cuocere 25 minuti dal fischio, filtrate e rimettete in pentola,
Fate appassire in un tegame in poco olio la cipolla, il sedano, carota, aglio, aggiungete poca acqua e fate cuocere 10 minuti, quindi aggiungete il macinato, 1 cucchiaio di concentrato, rosmarino, salvia, alloro e chiodi di garofano. Rosolate per pochi minuti, sfumate con il vino e continuate la cottura per 5 minuti.
Eliminate gli odori. Scottate nel brodo fave, zucchine e asparagi che scotterete nel tegame.
Portate nuovamente a bollore il brodo e lessate al dente le pappardelle.
Scolatele nel tegame e continuate la cottura aggiungendo altro brodo se necessario.
Regolate di sale solo all’ultimo momento e servite.

Piatti Maison du Monde

Bicchieri RCR

Tovagliato in Juta artigianale calabrese

Vino Donna Giovanna Iuzzolini

Potrebbe interessarti:

Caccuri

Già abitata in età romana, nel x secolo fu sede di tre piccoli monasteri.Poi feudo dei Polissena, Ruffo, Carafa, Cavalcanti e Barracco. Il castello fu

Le Castella

Questo magnifico squarcio di Calabria è certamente noto per il suo castello Aragonese e per lo splendido mare ma, per me è reso intrigante per

Isola Capo Rizzuto

Fu fondata intorno al 900 DC con il toponimo Greco di Asylon. Intorno al 1090.Sotto l’impero romano d’Oriente la piccola diocesi di Isola crebbe, in

Cirò

L’origine di Cirò risale all’età del bronzoL’area monumentale arcaica sorgeva nella contrada “Cozzo Leone” mentre l’area necropolare si estendeva in prossimità della contrada “S. Elia”.La

Santa Severina

Gioiello incastonato nella roccia, S. Severina domina la valle del Neto.Nel V secolo a.C. l’abitato è documentato come città dell’Enotria con il nome greco di

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a