L’ape regina

L’ape regina è la madre di tutte le api presenti nell’alveare. Nasce da una larva scelta dalle operaie è nutrita con pappa reale all’interno della cella reale.
Nella famiglia delle api la regina è la sola ad essere fertile quindi fondamentale per la riproduzione.
Passa quasi tutta la sua vita a deporre uova tranne quando vola fuori dall’alveare per essere fecondata, a tale fuga, si dà il nome di volo nuziale.
E’ un po’ crudele ma quando la nuova regina è pronta le api operaie uccidono la vecchia mamma.

Fiori di zucca farciti

X 4
16 fiori di zucca
2 zucchine
1 cipolla Bianca grande
250gr di ricotta
6 cracker integrali
150gr di pomodori datterini
Origano, santoreggia, olio, sale e pepe
Grattugiate le zucchine
Tritate la cipolla che farete soffriggere con l’olio a cui aggiungerete le zucchine salate e cuocete x 10 min lasciate intiepidire e aggiungete i cracker spezzettati la ricotta e gli odori sale e pepe
Eliminate i pistilli e riempite i fiori con due cucchiaini di ripieno
Tagliate a metà i batterini metteteli in una teglia con poco olio
Appoggiate sopra i fiori e condite
Cuocete in forno a 200 x 10-12 min

Piatti Cerasarda

Bicchieri il Tucano

Vino Donna Giovanna Iuzzolini

Potrebbe interessarti:

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a

Verzino

Nella valle del “marchesato” e precisamente a Verzino si trova un vasto insediamento rupestre abitato da civiltà preistoriche Paleolitica prima e Neolitica poi. Questi insediamenti

Magico Ampollino

Siamo sempre sull’altopiano della Sila e da qui ci muoviamo per andare a Butirro. Da qui percorreremo sentieri mozzafiato che incantano anche nel periodo autunnale

Casabona

L’insediamento è ordinato su terrazze parallele che si estendono sui due crinali di valle Cupa ed ogni terrazza sfocia nella stessa via di fondo valle.

Capo Colonna

Museo e parco archeologico nazionale. Il parco occupa la punta orientale del promontorio “Lakinion Akron”. L’area archeologica comprende l’antico luogo di culto della dea Hera

Cotronei

Nell’attuale territorio silano di Cotronei sin dall’età del bronzo c’era presenza di nomadi con i loro armenti nelle alture ricche di erbe, boschi e acque.