Muranera

Ottenuto da uva di Gaglioppo Magliocco, Cabernet Sauvignon e Marlot in vigneti coltivati nel territorio del piccolo borgo di Carfizzi a 300 m. S.L.M.
Rosso porpora con riflessi violacei. Profumo intenso con sentori fruttati, dolci e maturi, note balsamiche e floreali di violetta e accento di tabacco. Sapore caldo e vellutato di grande struttura. Grado alcolico 14,5 in vol.

La cugna’
È una conserva piemontese a base di mosto che accompagna i formaggi e il bollito misto.

2 kg di uva nera
500 gr di pere Martine
500gr di mele renette
250 gr di fichi
200gr di nocciole tostate
50 gr di gherigli di noce
Una manciata di scorzetta d’arancia e limone
5 chiodi di garofano
Mezza stecca di cannella
Pigiate l’uva con un setaccio. Raccogliete il succo in una pentola fatelo sobbollire fino a quando sarà ridotto di circa la metà. Sbucciate e tagliate a pezzetti pere mele e fichi uniteli all’uva e continuate la cottura per due ore. Prima di togliere dal fuoco aggiungete le noci e nocciole tritate i chiodi di garofano e la cannella. Versate la cugna’ ancora calda nei vasetti sterilizzati chiudete capovolgete e tenete al buio per un mese.

Sottopiatti Ceramica Italiana

Piatti Limoges

Piattini Arzberg

Bicchieri CRC

Vino Muranera Iuzzolini

Potrebbe interessarti:

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a

Verzino

Nella valle del “marchesato” e precisamente a Verzino si trova un vasto insediamento rupestre abitato da civiltà preistoriche Paleolitica prima e Neolitica poi. Questi insediamenti

Magico Ampollino

Siamo sempre sull’altopiano della Sila e da qui ci muoviamo per andare a Butirro. Da qui percorreremo sentieri mozzafiato che incantano anche nel periodo autunnale

Casabona

L’insediamento è ordinato su terrazze parallele che si estendono sui due crinali di valle Cupa ed ogni terrazza sfocia nella stessa via di fondo valle.

Capo Colonna

Museo e parco archeologico nazionale. Il parco occupa la punta orientale del promontorio “Lakinion Akron”. L’area archeologica comprende l’antico luogo di culto della dea Hera

Cotronei

Nell’attuale territorio silano di Cotronei sin dall’età del bronzo c’era presenza di nomadi con i loro armenti nelle alture ricche di erbe, boschi e acque.