Ogni tanto mangio un fiore

Anche nelle aiuole del giardino si possono trovare dei fiori da mangiare: dalle molte applicazioni dei boccioli di rosa, gladioli e gelsomini fino all’ibisco usato nelle tisane.
Tra le erbe aromatiche troviamo moltissime specie che producono fiori commestibili.
In genere la fioritura mantiene il sapore delle foglie, perché contiene il medesimo olio essenziale. In genere si tratta di fiorellini di piccole dimensioni, non molto scenografici ma ottimi in cucina.

Cavolfiore in padella con pangrattato e acciughe.

1 cavolfiore
4/6 filetti di acciuga
Peperoncino, aglio, olio, timo, sale
4 cucchiai di pangrattato
Fate cuocere in acqua salata le cimette per 3-4 min
In una padella scaldate aglio olio peperoncino e acciughe, quando saranno sciolte, aggiungete le cimette e saltatele per qualche minuto.
A parte mettete un po’ di olio in padella e rosolate il pangrattato.
Aggiungetelo al cavolfiore e servite con del timo.

Piatti Ikea

Bicchieri Baccarat

Vino Muranera Iuzzolini

Potrebbe interessarti:

Caccuri

Già abitata in età romana, nel x secolo fu sede di tre piccoli monasteri.Poi feudo dei Polissena, Ruffo, Carafa, Cavalcanti e Barracco. Il castello fu

Le Castella

Questo magnifico squarcio di Calabria è certamente noto per il suo castello Aragonese e per lo splendido mare ma, per me è reso intrigante per

Isola Capo Rizzuto

Fu fondata intorno al 900 DC con il toponimo Greco di Asylon. Intorno al 1090.Sotto l’impero romano d’Oriente la piccola diocesi di Isola crebbe, in

Cirò

L’origine di Cirò risale all’età del bronzoL’area monumentale arcaica sorgeva nella contrada “Cozzo Leone” mentre l’area necropolare si estendeva in prossimità della contrada “S. Elia”.La

Santa Severina

Gioiello incastonato nella roccia, S. Severina domina la valle del Neto.Nel V secolo a.C. l’abitato è documentato come città dell’Enotria con il nome greco di

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a