Pasqua che sorpresa

L’uovo per tutte le culture antiche era il simbolo della vita e della rinascita.
Per gli antichi Egizi l’uovo era l’origine di tutto e il fulcro dei quattro elementi.
Le origini dell’uovo di cioccolato risalgono al Re Sole Luigi XlV che, per primo, all’inizio del ‘700 fece realizzare un uovo di crema di cacao.
Nello stesso periodo a Torino c’era l’usanza di inserire un piccolo dono nelle uova di cioccolato, anche se la vera origine di questa usanza è merito di Fabergè.

Preparo
Gamberi rosa e pomodoro
300gr di riso Carnaroli
1,5 lt di brodo di gamberi
500 gr di gamberi
Sale pepe e olio
Per il brodo
Carapaci e teste dei gamberi 30 gr di finocchi, aglio cipolla carota sedano 100gr di pomodoro datterino
Acqua e olio
Pulite i gamberi e scottateli brevemente in padella con poco olio
Rosolate I carapaci con olio e aglio aggiungete le verdure e coprite di acqua facendo sobbollire per 30 minuti. Recuperate con un colino la parte liquida. Fate tostare il riso con olio e cipolla poi cominciate ad aggiungere lentamente il brodo fino a cottura infine unite i gamberi.

Piatti Vietri

Bicchieri Dior

Tovagliette Maison du Monde

Vino donna Giovanna Iuzzolini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Potrebbe interessarti:

La Sila

Un verde paradiso punteggiato di laghi, dove, innumerevoli specie di piante ed animali concorrono ad arricchire la biodiversità.Le alte conifere si rincorrono in boschi fitti

Ossi di seppia

Questi legnetti bianchi mi fanno pensare a degli ossi di seppia.Montale, nella sua pessimistica visione della vita con tanto di “sentimento di emarginazione ed aridità“,

Sapore di mare

Le immagini non hanno bisogno di commenti. Ci fanno gustare il fresco sapore salmastro di un’acqua cristallina, in questa calda primavera 2022.Siamo a Capo Rizzuto,

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 708 a.C. ad opera degli Achei provenienti dall’Acaia.Kroton fu celebre per i suoi medici tra cui Democede ed Alcmeone