Quando la luce è calore

La luce è la parte visibile dello spettro elettroforetico, ha una frequenza all’interno della quale sono racchiusi tutti i colori che possiamo  percepire.

L’uomo non può vedere le frequenze infrarosse, ma può esserne consapevole perché possiamo avvertirle come calore. 

Il legame luce-calore è indissolubile.

Infatti, i raggi ultravioletti non sono visibili ma, sono responsabili delle scottature da sole.

In questo caso, la sensazione di calore che trasmette questa tavola, avvolgente e sensoriale, non è dovuta agli ultravioletti!!!

La ricetta che propongo è spaghettoni in rosso con tonno e pangrattato.

600 gr. di spaghettoni

350 gr. tonno sott’olio

10 pomodori

150 gr. di capperi sottosale

100 gr. olive taggiasche

100 olive verdi denocciolate

pangrattato

2 spicchi d’aglio

1 mazzetto basilico

prezzemolo

peperoncino e origano

Sciacquare i capperi e metteteli a bagno in acqua fredda per 20 minuti. Sgocciolateli e tritatene grossolanamente 3 quarti insieme alle olive verdi e taggiasche. Tostate il pangrattato in padella con un filo d’olio e due pizzichi di origano. Pelate i pomodori e tagliateli a pezzettoni. Tagliate l’aglio a fettine e soffriggeteli in tre cucchiai d’olio. Aggiungere il mix ai capperi e olive. Mettete il tutto a fuoco lento per 2 minuti. Unite i pomodori, una presa di peperoncino, il prezzemolo e metà del basilico tritati. Saltateli e fate insaporire. Lessate gli spaghetti in abbondante acqua bollente, sgocciolateli al dente e versateli nella padella con il sugo saltandoli a fuoco vivo per pochi secondi. Distribuite nei piatti e completate con il tonno in grossi filetti, i capperi e il basilico rimasti, le olive taggiasche intere e infine il pangrattato.

La ricetta da sale e pepe

Tovagliette Maison du Monde

Piatti in vetro stampato Maison du Monde

Bicchieri Baccarat

Vino donna Giovanna Iuzzolini

Potrebbe interessarti:

Caccuri

Già abitata in età romana, nel x secolo fu sede di tre piccoli monasteri.Poi feudo dei Polissena, Ruffo, Carafa, Cavalcanti e Barracco. Il castello fu

Le Castella

Questo magnifico squarcio di Calabria è certamente noto per il suo castello Aragonese e per lo splendido mare ma, per me è reso intrigante per

Isola Capo Rizzuto

Fu fondata intorno al 900 DC con il toponimo Greco di Asylon. Intorno al 1090.Sotto l’impero romano d’Oriente la piccola diocesi di Isola crebbe, in

Cirò

L’origine di Cirò risale all’età del bronzoL’area monumentale arcaica sorgeva nella contrada “Cozzo Leone” mentre l’area necropolare si estendeva in prossimità della contrada “S. Elia”.La

Santa Severina

Gioiello incastonato nella roccia, S. Severina domina la valle del Neto.Nel V secolo a.C. l’abitato è documentato come città dell’Enotria con il nome greco di

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a