Ricreare bellezza

In una estate torrida come questa, il refrigerio più grande è tuffarsi in un mare limpido e freddo .
Sono appena tornata a Roma da Capo Rizzuto, dove sono stata veramente bene ed ho fatto dei bagni splendidi.
A Roma da qualche giorno trovo refrigerio in un bel bicchiere di vino bianco gelato sorseggiato in terrazzo .
Ed ecco la naturale associazione: il desiderio di creare un ambiente gradevole perché, anche in città, si può assaporare il piacere dell’estate e soprattutto trovare il modo di gratificarsi con poco.
Godere della bellezza che riesci a creare con le piccole “solite” cose che hai in casa aggregandole in modo diverso.
Vedrete spesso ripetersi degli oggetti o dei piatti che amo particolarmente e che ripeto aggregati in maniera diversa in tal modo da creare una tavola alternativa
Mi piacciono molto i contrasti, in questo caso abbiamo un sottopiatto in argento e piatto di Limoges con un centro fatto di rami secchi, qualche candela e il gioco è fatto.
In questo caso ho messo insieme le lanterne e, perché no, la voliera e tovaglioli assolutamente di lino
La variante?
Divertente sottopiatto di carta o plastica argentato piatto bianco ,tovagliolo di carta bianco (puoi trovarne di belli) !
Per il menù ho pensato a un souté di vongole e cannolicchi, mazzancolle con ananas.

Una assoluta leccornia per chi ama l’agrodolce: mazzancolle saltate con ananas grigliato conditi con Worcester e Tabasco.
Facilissimo:
liberare i gamberi
dal carapace cuocerli in padella con un filo di olio;
a parte grigliate l’ananas poi condite insieme.
Attenzione al Tabasco

Vino Donna Giovanna Tenuta Iuzzolini

Piatti Imperatrice di Limoges

Bicchieri Dior

Potrebbe interessarti:

Caccuri

Già abitata in età romana, nel x secolo fu sede di tre piccoli monasteri.Poi feudo dei Polissena, Ruffo, Carafa, Cavalcanti e Barracco. Il castello fu

Le Castella

Questo magnifico squarcio di Calabria è certamente noto per il suo castello Aragonese e per lo splendido mare ma, per me è reso intrigante per

Isola Capo Rizzuto

Fu fondata intorno al 900 DC con il toponimo Greco di Asylon. Intorno al 1090.Sotto l’impero romano d’Oriente la piccola diocesi di Isola crebbe, in

Cirò

L’origine di Cirò risale all’età del bronzoL’area monumentale arcaica sorgeva nella contrada “Cozzo Leone” mentre l’area necropolare si estendeva in prossimità della contrada “S. Elia”.La

Santa Severina

Gioiello incastonato nella roccia, S. Severina domina la valle del Neto.Nel V secolo a.C. l’abitato è documentato come città dell’Enotria con il nome greco di

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a