Riflessi d’estate

L’immagine più suggestiva che ci viene in mente quando pensiamo a figure riflesse è Narciso, personaggio di Ovidio che, nelle Metamorfosi, racconta:
Narciso era di una bellezza sconvolgente. Nel mito, incontra in un bosco la dea Eco, che, vittima del suo fascino, comincia ad inseguirlo finché sfinita perde le forze. A quel punto la Dea inizia a perdere peso fino a dissolversi nel vento e di lei non rimane altro che la voce.
Un’altra amante rifiutata, chiede alla Dea della vendetta, Nemesi, di far innamorare il giovane di sé stesso. La Dea accetta e così Narciso, specchiandosi in una fonte, diventa vittima del proprio fascino e cerca di abbracciare la sua stessa immagine riflessa.
Di lui rimane solo il magnifico dipinto del Caravaggio.

Per questa tavola propongo

Gazpacho
1 kg di grossi pomodori maturi
1 cetriolo
1 peperone verde
1 spicchio d’aglio
1 cucchiaio di cumino
Olio, sale e aceto balsamico
Mettere nel frullatore olio, sale, aceto balsamico, cumino il cetriolo e metà dei pomodori, frullare.
Ripetere con il peperone unire i due frullati nel mixer per amalgamare bene il tutto.

Piatti Carlo Monti

Ciotole Maison du Monde

Tovagliette Seletti

Bicchieri e porta candele Memento

Vino Riesling Falkenstein

Potrebbe interessarti:

Crotone

La fondazione di Crotone risale al 718 a. C. ad opera degli Achei in seguito alla profezia dell’oracolo di Apollo di Delfi. La costa, a

Verzino

Nella valle del “marchesato” e precisamente a Verzino si trova un vasto insediamento rupestre abitato da civiltà preistoriche Paleolitica prima e Neolitica poi. Questi insediamenti

Magico Ampollino

Siamo sempre sull’altopiano della Sila e da qui ci muoviamo per andare a Butirro. Da qui percorreremo sentieri mozzafiato che incantano anche nel periodo autunnale

Casabona

L’insediamento è ordinato su terrazze parallele che si estendono sui due crinali di valle Cupa ed ogni terrazza sfocia nella stessa via di fondo valle.

Capo Colonna

Museo e parco archeologico nazionale. Il parco occupa la punta orientale del promontorio “Lakinion Akron”. L’area archeologica comprende l’antico luogo di culto della dea Hera

Cotronei

Nell’attuale territorio silano di Cotronei sin dall’età del bronzo c’era presenza di nomadi con i loro armenti nelle alture ricche di erbe, boschi e acque.