Suggestioni

La principale peculiarità del pavone maschio è l’esibizione del piumaggio per mostrare la sua bellezza.
I brillanti colori sono accentuati da particolari riflessi metallici.
Seducente comportamento dimostrativo è distendere le piume nella stagione degli amori.
Deduciamo che “pavoneggiarsi“ è tipico del sesso “FORTE”.

Prepariamo
Pasta e fagioli alla Visentina
Per 6
300gr di tagliatelle fresche
400gr di patate, 150gr di fagioli secchi, 100gr di lardo, 100gr di parmigiano reggiano grattugiato, 2 cipolle, 4 pomodori, 2coste di sedano, 2 spicchi di aglio, salvia, prezzemolo, mezzo cucchiaino di cannella olio sale e pepe.
La sera prima mettete a bagno i fagioli.
Tritate il lardo e gli odori.
In una pentola con 2 lt e mezzo di acqua mettete i fagioli le patate, pelate ma intere gli ingredienti tritati i pomodori passati e la cannella.
Cuocete a fuoco dolcissimo per 2 ore.
Passate le patate e parte dei fagioli unite le tagliatelle e cuocetele al dente condite con parmigiano pepe ed un filo di olio.

Piatti Ikea

Bicchieri Baccarat

Vino Muranera Iuzzolini

Potrebbe interessarti:

Frutti d’autunno

L’autunno è una stagione ricca di bellezza. La vegetazione assume colori caldi disegnando mosaici che incantano. La bellezza va oltre lo sguardo con le delizie

Muranera

Ottenuto da uva di Gaglioppo Magliocco, Cabernet Sauvignon e Marlot in vigneti coltivati nel territorio del piccolo borgo di Carfizzi a 300 m. S.L.M.Rosso porpora

Sutri

Le sue origini risalgono all’età del bronzo.Secondo la leggenda fu fondata da un popolo di navigatori orientali: i Pelasgi.Provincia di Viterbo dista 50 km da

Patate

Originaria delle Ande, coltivata nella regione del lago Titicaca, la patata era uno degli alimenti principali degli Inca.Nel 1537 i conquistadores spagnoli del Perù la

Nocciole

Il nocciolo, che appartiene alla famiglia delle betulacee, è una pianta tipica italianaDopo il quinto-sesto anno dalla messa a dimora comincia la produzione di nocciole.Le

Verde sorgente

L’acqua che sotto forma di pioggia cade sui terreni, infiltra naturalmente il sottosuolo, dove si accumula nelle microscopiche cavità tra granelli di roccia, saturando il